in

“Siamo ricchi” e la moglie spende tutto quello che hanno ma la vincita al Gratta e Vinci era un Pesce d’aprile del marito

Il 1° aprile in Italia e in molti altri paesi del mondo si fanno scherzi di ogni genere.

È il “Pesce d’Aprile”, una giornata per prendere un po’ meno sul serio la vita. Ci sono scherzi innocui, scherzi pesanti e altri che possono creare piccoli grandi danni economici. Proprio a quest’ultima categoria appartiene lo scherzo più clamoroso del 1° aprile italiano, almeno quello di cui si è parlato di più nei giornali.

“Siamo ricchi” e la moglie spende tutto quello che hanno ma la vincita al Gratta e Vinci era un Pesce d’aprile del marito

Ci troviamo ad Ancona, in zona periferica. I protagonisti sono un uomo e una donna, marito e moglie. La mattina di lunedì lui la chiama e le dice “Amore, tieniti forte! Ho vinto 50.000 euro con un gratta e vinci! Stasera ti porto a cena”. La donna non ci crede: è pur sempre il 1° aprile e uno scherzo del genere risulta anche piuttosto banale.

“Siamo ricchi” e la moglie spende tutto quello che hanno ma la vincita al Gratta e Vinci era un Pesce d’aprile del marito

Ma l’uomo, che lavora per un’azienda di trasporti, davanti alla diffidenza dalla moglie decide di insistere: la chiama più volte durante la mattinata per assicurarle che quanto successo non era uno scherzo. Successivamente, con la complicità di un collega, scatta un selfie con un gratta e vinci (non vincente). Ecco che cominciano i “guai”.

Nonostante il biglietto “vincente” non si leggesse dalla foto mandata dal marito su Whatsapp, la donna decide che quella, insieme alle continue chiamate del consorte, fosse la prova decisiva. Il marito, secondo lei, aveva effettivamente vinto 50mila euro. Allora la 40enne prende la carta di credito di famiglia ed esce di casa, recandosi in centro ad Ancona.

“Siamo ricchi” e la moglie spende tutto quello che hanno ma la vincita al Gratta e Vinci era un Pesce d’aprile del marito

Va in giro per negozi, compra abiti, profumi e accessori costosi. Spende in tutto circa duemila euro, prosciugando quasi del tutto il conto corrente bancario familiare. Un vestito, a quanto pare, era stato comprato appositamente per la cena a cui suo marito aveva promesso di portarla, dopo aver appreso di aver vinto una cifra considerevole.

Ma tornato a casa dopo il turno lavorativo, il marito decide di “vuotare il sacco”: non aveva vinto nulla, era un Pesce d’Aprile. A questo punto la moglie si infuria e inizia a inveire contro il marito con tutta la rabbia che aveva in corpo. A un certo punto si sente perfino male, tanto che l’uomo ha dovuto chiamare l’ambulanza. Proprio durante il tragitto in ospedale, la donna si riprende e torna a casa. Scherzi pericolosi…