in

Fare se$$o fa bene alla memoria: ecco cosa dice una ricerca

Un recente studio ha svelato gli effetti positivi dell’attività se$$uale sulla memoria, soprattutto dopo i 50 anni.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Università di Wollongong, in Australia, ed è stato pubblicato sulla rivista Archives of Sexual Behavior.

L’indagine ha coinvolto oltre 6mila partecipanti ultracinquantenni (3344 donne e 2672 uomini). I volontari si sono sottoposti ad un test preliminare, utile per raccogliere dei dati sulla memoria episodica dei partecipanti, e hanno risposto ad una serie di domande relative alla propria attività se$$uale, alle condizioni di salute e alla vicinanza emotiva.

La stessa indagine è stata condotta dai ricercatori sugli stessi volontari a distanza di 2 anni.

dati ottenuti sono stati valutati tenendo conto delle abitudini dichiarate dai partecipanti ed hanno rivelato che l’attività se$$uale aveva avuto sulla loro memoria un impatto positivo. Anche se i dati possono riferirsi, secondo la ricerca, soltanto al breve periodo.

La spiegazione scientifica di questo beneficio è stata individuata nella crescita di neuroni dell’ippocampo (sezione del cervello dedicata alla memoria spaziale ed episodica) stimolata proprio dall’attività se$$uale.

I ricercatori hanno quindi concluso che fare se$$o fa bene alla memoria, ma i risultati riscontrati potrebbero scomparire con l’interruzione dell’attività se$$uale.