Storie

C’è una bomba nel cassonetto, invece era un vibratore

In Germania scatta l'allarme per un ordigno esplosivo ma si trattava di un vibratore lasciato acceso e gettato in un cassonetto

Uno strano ronzio in un cassonetto ha allertato un’intera cittadina tedesca.

C’è una bomba nel cassonetto! Invece era un vibratore acceso.

Ad Halberstadt, cittadina di 40mila abitanti dello stato federale di Sassonia-Anhalt (Germania) la giornata è stata decisamente movimentata.

La collaboratrice di una ludoteca per ragazzi del luogo ha chiamato la polizia dopo aver sentito un ronzio sospetto provenire da un cassonetto per i rifiuti situato sul marciapiede della strada.

La vibrazione continua del cassonetto ha fatto subito pensare ad un ordigno esplosivo pronto a scoppiare.

Di questi tempi con l’Europa funestata da diversi attacchi terroristici è facile allarmarsi per un niente.

L’Isis ha seminato la paura da tutte le parti e i frutti da raccogliere sono questi: psicosi collettive che vedono bombe da tutte le parti.

La squadra di pronto intervento costituita da alcuni artificieri è intervenuta all’istante e ha immediatamente isolato la strada ed evacuato gli abitanti della zona.

Una volta che i cittadini hanno abbandonato le proprie abitazioni gli esperti hanno iniziato le delicate operazioni per disinnescare la bomba.

All’apertura del bidone però la sorpresa: il ronzio e il ticchettio uditi dalla donna non provenivano da una bomba ma…da un vibratore lasciato acceso.

Dopo lo stupore iniziale non sono mancate le risate fra i presenti, l’aria era decisamente più leggera e la tensione era sparita.

I residenti della via sono potuti rientrare in tutta sicurezza nelle loro abitazioni.

La notizia naturalmente ha fatto il giro del mondo attraverso il web e anche il famoso quotidiano di Berlino il “Berlin Morgenpost” ha dedicato un articolo alla vicenda.

“Non è chiaro chi lo abbia messo nella spazzatura” fa sapere il giornale in riferimento al vibratore.

Tags

Related Articles

Back to top button