in

Beccati in treno senza biglietto: «Siamo terrapiattisti, non paghiamo»

Beccati in treno senza biglietto: «Siamo terrapiattisti, non paghiamo»

Il bizzarro episodio è accaduto a Pavia. Tre uomini e una donna (tra i 26 e i 43 anni) sono stati sorpresi senza regolare titolo di viaggio a bordo di un treno intercity diretto da Milano a Ventimiglia e, di fronte alla richiesta del controllore, hanno tirato fuori una scusa davvero epica.

I quattro, infatti, si sono definiti “terrapiattisti e cittadini del mondo” pertanto pretendevano di viaggiare gratuitamente. Di fronte a questa affermazione, è stato chiesto loro di fornire le generalità, ma anche in questo caso la risposta è stata a dir poco sorprendente.

Infatti i quattro personaggi hanno affermato di non avere “volutamente” documenti, ma soltanto un foglio plastificato definito «Autodeterminazione», sostenendo di essere «soggetti di diritto internazionale pregiuridico», «ambasciatori diplomatici fuori da ogni giurisdizione planetaria» e «Stati di se stessi».

L’intervento dei Carabinieri non ha cambiato le cose, dal momento che, come riporta “La Provincia Pavese“, i quattro soggetti hanno continuato ostinatamente ad affermare che il controllo costituiva un «attacco a uno Stato libero perseguibile dalla corte mondiale».

L’episodio ha provocato un ritardo di quasi un’ora. Chissà se gli altri passeggeri l’avranno trovato divertente…